Sformarola

Piccola ciotola dal cui utilizzo prende il nome. Essa è usata infatti per sformare la caciotta che verrà, come fase ultima della sua lavorazione, messa ad asciugare.

Piccolo recipiente privo di collo e di manici. Il suo profilo è a tronco di cono rovesciato. Presenta sul fondo alcuni fori disposti con criteri di funzionalità ed equilibrio estetico. È verniciato solo internamente nelle tipiche tonalità del giallo e bianco meccato..

Sira

Dall’arabo “zir” Ziro, grande orcio… per conservare l’olio. Veniva riposta nel luogo destinato alla dispensa e da li attingere ogni volta il tanto necessario per la cucina.

È un’anfora monoansata dal becco allungato la cui inclinazione è determinata dalla curvatura della spalla del recipiente.
Viene realizzata in varie grandezze secondo le esigenze della clientela. Internamente è coperta da una vernice di colore scuro, esternamente può averne una verniciatura in tuttotondo di colore marrone maculato nero o una parnanza sul becco, di colore marrone o nera.
.

Trufo

Anforetta panciuta con un’unica e stretta apertura, caratteristiche adatte per la conservazione del vino o aceto.
Oltre che nelle dispense delle famiglie, questo contenitore accompagnava anche il lavoro degli uomini, nei campi o in luoghi chiusi, comunque sigillata e ben protetto dall’unico foro che presenta alla sua sommità. È da questa caratteristica che prende il suo nome: l’apertura da cui si attinge in realtà stanca chi non è abile nell’uso……da questo il suo nome che deriva da “truffa”.

Vaso dal profilo a collo continuo. Il collo di corta struttura, si chiude con un labbro rigonfio alla sua estremità. A volte è dotato di ansa nastriforme arrotolata con attaccatura all’innesto della spalla.
È verniciato sia internamente che esternamente. Solitamente si presenta di colore marrone con maculature nere ma può anche essere coperto completamente di vernice nera. Sua variante per il viaggio può essere considerata la borraccia..

Arte della Bottega
di Bozzi Anna Maria

Da 160 anni la bottega artigiana Bozzi è conosciuta nel territorio piceno per la produzione in terracotta di vasellame da cucina. Ancora oggi i manufatti, molti dei quali sono parte della tradizione montottonese, vengono realizzati al tornio. La bottega, grazie all'artigiano Mario Bozzi, continua infatti a produrre con successo i manufatti tradizionali, dedicandosi allo stesso tempo a lavori particolari realizzati su commissione, come ornamenti architettonici in cotto o maiolica, stemmi araldici e oggetti d'arredamento. I figli hanno inoltre arricchito la produzione della bottega con una continua ricerca verso la contemporaneità, cercando nuove sovrapposizioni tra artigianato e arte. Annamaria ed Emanuele hanno infatti saputo raggiungere nel proprio lavoro un giusto equilibrio tra nuove esigenze del mercato e tradizione, con una produzione classica rimasta inalterata, e manufatti ceramici più moderni, rispondenti di volta in volta alle specifiche esigenze del cliente. L'attività produttiva della bottega è affiancata alla didattica presso scuole, enti pubblici e privati, ma è aperta anche ad ospitare chi semplicemente desideri conoscere il mestiere del vasaio.